Home Page

Rassegna Stampa

Mi sono accostato alla politica attiva per la prima volta qui a Salsomaggiore con una speranza: di poter dare il mio contributo (gratuito) alla Città : Il contatto con quella che viene impropriamente chiamata politica e “ politici” e’ stato devastante.

Io, fermo alla definizione di “politica “ di Aristotele,il cui scopo e’ il benessere dei cittadini in primo luogo, per il loro sviluppo fisico, intellettuale e sociale, una politica “trasparente” e in compartecipazione coi cittadini, mi sono trovato a fronteggiare una politica e politici che, di fronte a mie proposte a beneficio dei cittadini, non potendo rifiutarle, ne demolivano poi l’essenza stravolgendole e di fatto facendo il contrario di quanto proposto.

Ci sono voluti quasi due anni per avere la mezz'ora gratuita di parcheggio, gli orti sociali da noi proposti non hanno mai avuto l’acqua e non l’hanno ancora, la distribuzione di acqua gratuita mediante apposite strutture in città ha visto un bando tagliato apposta per non essere appetibile per nessuno.

Mi sono trovato di fronte a persone che, quando interpellate e richieste di spiegazioni, svicolavano e attuavano strategie e manovre elusive, quali dimostrarsi indignate, o assumere l’atteggiamento da maestrina bacchettatrice; ho sopportato la faccia di chi mi mentiva sapendo di mentire, conscio del fatto che pure io lo sapevo, il lancio di filippiche con cui mi si accusava di non sapere niente di politica, vari commenti non proprio gentili, ecc

Se ho tollerato la mancanza di rispetto per il sottoscritto, non posso e non potrò tollerare la mancanza di rispetto per i cittadini e i loro soldi: mi riferisco a quanto evidenziato da una ispezione del Ministero dell’Economia e Finanze, dalla quale si rilevano contratti fatti male , incompleti, in bozza o non firmati, o peggio mancanti, comunque sempre a sfavore delle casse comunali, confusione amministrativa e irregolarità facenti capo ad un dirigente a tempo determinato, la cui nomina viene per più motivi definita illegittima dall’Ispettore Sul fatto della politica sono d’accordo: non ne so niente di questa pseudo-politica, ma la mia ignoranza è voluta: non ne voglio sapere, me ne tengo il più lontano possibile; basta vederne i risultati ottenuti negli ultimi 20 anni: una città devastata da un Attila dell’incapacità, dei favoritismi, della miopia organizzativa, che ha perso tutti i suoi assetti più consistenti, vedi hotel, Terme in liquidazione, verde pubblico che di verde ha ben poco, strade e marciapiedi senza vere manutenzioni da anni, negozi chiusi, cartelli di VENDESI ovunque, strutture in calcestruzzo incompiute ormai da demolire, però ancora facenti parte dell’indecoro urbano.

Il mio turno ora e’ finito, ma passo il testimone ad altri costituitisi in una lista del movimento 5 stelle, che si presenterà alle prossime elezioni, una lista che e‘un gruppo di lavoro, una squadra che ha in mente solo un obiettivo: migliorare in tutti i modi la qualità della vita dei cittadini salsesi, cercare di far ripartire questa
città un tempo bellissima, non con programmi “elettorali” da Superman, che poi nessuno attua, ma con idee semplici, da semplici cittadini.

La nostra squadra si compone di cittadini mai entrati in politica, cittadini che rappresentano un po’ tutte le attività e le caratteristiche della cittadinanza Salsese: professionisti, commercianti, artigiani, casalinghe, pensionati, esperti di informatica ed e-commerce, rappresentanti delle associazioni di consumatori, imprenditori. E soprattutto delle donne: nella nostra lista il minimo del 30% di quote rosa e’ superato: noi ne proponiamo il 50%: otto uomini e otto donne, queste ultime molto
preparate e battagliere, per una battaglia positiva contro il decadimento e per la riconquista dei valori civili, sociali e di partecipazione di questa bellissima citta’.

Per questo siamo aperti a proposte, idee, suggerimenti da parte di tutti i cittadini, perchè la città e’ loro e solo loro hanno il diritto a decidere il loro futuro. La delega alla politica e’ solo per la realizzazione dei sogni e desideri della gente , per il loro beneficio e progresso, fisico, mentale e spirituale.

Saremo presenti ogni fine settimana con un gazebo informativo in piazza Libertà e /o in Largo Roma, partecipate, decidete, cambiate.

Franco Bressanin,
Consigliere Comunale uscente M5S

Domenica 10 giugno Salsomaggiore Terme tornerà alle urne per eleggere la nuova giunta. Si tratta di un momento più che mai delicato per la nostra città, inesorabilmente al centro di un lento declino dato da anni di cattiva gestione della cosa pubblica.

Come Movimento 5 Stelle crediamo fermamente nella necessità di un cambiamento sociale e culturale, che punti a riportare la politica vicino ai cittadini e che sia fatto di proposte sostenibili e al contempo innovative.

Per questo il Movimento 5 Stelle parteciperà alle Amministrative 2018 con il candidato Sindaco Giuseppe D'Andrea, membro attivo del Movimento 5 Stelle dal 2005, ed i Candidati al Consiglio Comunale Ilaria Gaudenzi, Fabrizio Busca, Tania Rocca, Filippo Bartoli, Simona Onesti, Mattia Verani, Francesco Buonvicino, Roberto Giovanelli, Andi Lusha, Valentina Cattani, Roberta Gualtieri, Bruno Cesare, Ciro Sinno, Valli Eleonora Calestani, Assunta Morgillo ed Erica Fantini.

Per rimanere aggiornati o contribuire al programma del gruppo vi invitiamo a visitare il sito www.salso5stelle.it e la pagina Facebook Salso5Stelle.

Mercoledì, 10 Dicembre 2014 23:00

Raccolta firme referendum sull'euro

DOMENICA 21 DICEMBRE Raccolta Firme per la legge popolare per indire il referendum per l'uscita dell'Italia dall'euro. L'Italia è in una situazione drammatica, travolta da povertà, corruzione e malaffare.

Gli italiani come primo passo devono riprendersi il Paese e la sovranità su di esso, a partire da quella monetaria. È un giorno storico e per il suo successo abbiamo bisogno di tutto il tuo aiuto. Con l’euro siamo condannati al default economico.  

 

Noi del M5S di Salsomaggiore cominceremo la raccolta il 21 dicembre mattina in Largo Roma con il nostro banchetto.

SARA' ANCHE POSSIBILE RECARSI A FIRMARE ALL'UFFICIO ELETTORALE DI SALSOMAGGIORE(PORTICI DEL MUNICIPIO) NEI GIORNI FERIALI E NEGLI ORARI D'UFFICIO

 

Anche tu puoi contribuire scaricando, stampando e diffondendo i volantini informativi:

1. Motivi per uscire dall'euro

2. Domande frequenti sull'euro

 

Per approfondimenti:

- Domande e risposte sull' uscita dall'euro

- http://www.beppegrillo.it/fuoridalleuro/

 

Vi aspettiamo numerosi!

Lunedì, 12 Marzo 2018 11:55

Partecipare, Scegliere, Cambiare

I risultati delle elezioni nazionali hanno evidenziato come solo il M5S, oltre ad essere di gran lunga la prima lista, sia quella che più rappresenta l’intero paese, non solo una parte geografica di esso.

Qui a Salsomaggiore, con 2889 voti, la nostra è stata la lista più votata e svela come  anche qui da noi si senta l’urgenza di quel cambiamento, che queste elezioni politiche stanno prospettando.

Tra qualche mese anche il nostro Comune andrà a nuove elezioni, e tutti sappiamo come Salsomaggiore Terme continui ancora la sua lenta, ma costante caduta economica, sociale, politica.

Lunedì, 13 Febbraio 2017 08:16

Travi e Pagliuzze

Veniamo a conoscenza del fatto che il Sindaco Fritelli ha avviato azione contro ignoti per il mancato versamento della Tassa di soggiorno da parte di alcuni albergatori.

L’azione, senz'altro corretta, ci fa un po’ ridere un po’ piangere e ci ricorda  travi e pagliuzze  di evangelica memoria: e’ l’azione di una maggioranza che pochi giorni fa si e’ approvata un bilancio preventivo irregolare perchè mancante degli accantonamenti  a fronte di perdite di società partecipate, accantonamenti obbligatori per legge. Gia’ in precedenza avevamo rilevato irregolarità o illegalità nella assegnazione e gestione contratti per i  Campi da Golf, il Palazzo dei Congressi e le Terme di Tabiano; certo tutte queste irregolarità e illegalità reiterate  e assunte a sistema da parte della Giunta Fritelli non contribuiscono ad incentivare all'onestà e alla responsabilità i cittadini.

Lunedì, 28 Novembre 2016 17:55

Toninelli per il NO a Salsomaggiore

Giovedì 17 Novembre, Salsomaggiore ha avuto la possibilità di conoscere l’onorevole Danilo Toninelli, deputato del Movimento 5 Stelle, in un incontro presso la Sala Mainardi del Palazzo dei Congressi. Il tema in discussone è stato il Referendum Costituzionale del prossimo 4 Dicembre.

L’onorevole ha parlato per più di un’ora a favore delle ragioni del No, soffermandosi non solo sui lati tecnici della riforma, ma anche su coloro che hanno proposto le modifiche alla Carta costituzionale, sottolineandone le ambiguità e le problematiche. Le tesi del parlamentare hanno suscitato spesso applausi nel pubblico presente e sono state supportate da un apposito video e diapositive.

Terminato il discorso, i presenti hanno avuto la possibilità di sottoporre le domande più svariate a cui l’onorevole ha sempre risposto in maniera concisa e diretta.

Alla fine dell’incontro i cittadini si sono detti estremamente soddisfatti per l’occasione avuta e non hanno mancato di farsi fotografare con il parlamentare, suggellando così la riuscita della serata.

Giovedì, 03 Marzo 2016 15:50

La nostra lettera sul mandato Del Sindaco

Al Presidente del Consiglio Comunale Comune Salsomaggiore Terme Oggetto: Errore materiale.


Deliberazione Consiglio Comunale n. 1 del 22.01.2016 Il sottoscritto Consigliere Comunale Movimento 5 Stelle Franco Bressanin, in merito all'errore materiale in cui è incorsa l'amministrazione comunale nella delibera in oggetto indicata ovvero errato conteggio dei presenti e degli assenti nonchè il mancato inserimento dello scrivente negli appartenenti ai consiglieri comunali, contestata in data 10 febbraio 2016 a cui seguiva una non precisata nota del segretario comunale con relativa pubblicazione.

P R E M E S S O

che ai fini dell’inquadramento di un atto amministrativo non assume rilievo dirimente l’autoqualificazione data dall’amministrazione emanante, dovendosi invece aver riguardo al suo contenuto sostanziale ed alla funzione da esso perseguita, si osserva che l’istituto della rettifica consiste nella eliminazione di errori ostativi o di errori materiali in cui l’amministrazione sia incappata, di natura non invalidante ma che diano luogo a mere irregolarità. Affinché ricorra un’ipotesi di errore materiale in senso tecnico-giuridico, occorre che esso sia il frutto di una svista che determini una discrasia tra manifestazione della volontà esternata nell’atto e volontà sostanziale dell’autorità emanante, obiettivamente rilevabile dall’atto medesimo e riconoscibile come errore palese secondo un criterio di normalità, senza necessità di ricorrere ad un particolare sforzo valutativo e/o interpretativo, valendo il requisito della riconoscibilità ad escludere l’insorgenza di un affidamento incolpevole del soggetto destinatario dell’atto in ordine alla corrispondenza di quanto dichiarato nell’atto a ciò che risulti effettivamente voluto.

Né alla rettifica si può far luogo oltre un congruo limite temporale, onde non pregiudicare la certezza dei rapporti, specie in caso di incidenza pregiudizievole sulla situazione giuridica del destinatario dell'atto. Consiglio di Stato N. 1036 del 05.03.2014 Perché per un atto amministrativo può parlarsi di errore materiale, con la relativa possibilità per l’Amministrazione di procedere alla sua correzione, allorquando esso emerga "ictu oculi", e non anche nei casi in cui per la sua individuazione occorra risalire, all’interpretazione della volontà dell’Amministrazione (cfr. Cons. St., sez. IV, 23 dicembre 1998 n. 1907),secondo cui l'errore materiale nella redazione di un provvedimento amministrativo si concretizza quando il pensiero del decisore sia stato tradito ed alterato al momento della sua traduzione in forma scritta, a causa di un fattore deviante che abbia operato esclusivamente nella fase della sua esternazione, sempreché tale divario emerga direttamente dall'esame del contesto stesso in cui l'errore si trova; tale situazione non ricorre quando la correzione implica nuove operazioni che esulano dal campo della mera rettifica, come nel caso di modifica in senso peggiorativo della motivazione degli atti a suo tempo compilati, con l'intento di giustificare in via postuma l'operato). D’altra parte, presupposto del procedimento di rettifica è un errore materiale compiuto dall’Amministrazione che si intende eliminare, affinché il contenuto del provvedimento risulti conforme alla reale volontà di chi lo ha adottato.

Il verbale della seduta costituisce l'elemento essenziale della esternazione e della documentazione delle determinazioni amministrative degli organi collegiali, nonchè la condizione necessaria perché le determinazioni stesse acquistino valore di espressione di potestà amministrative. T. A.R Sicilia sez. Catania Sentenza n. 1311 del 14.07.2009 La giurisprudenza è, infatti, costante nell’affermare che la rettifica è il provvedimento mediante cui, di regola, viene eliminato l’errore materiale in cui è incorsa l’Autorità emanante nella determinazione del contenuto del provvedimento (cfr., ex multis, T.A.R. Sicilia, Palermo, Sez. II, 8 ottobre 2012, n. 1973). Invero, la rettifica, quale provvedimento di secondo grado volto alla semplice correzione di errori materiali o di semplici irregolarità involontarie (cfr. T.A.R. Sicilia, Palermo, Sez. II, 13 luglio 2012, n. 1548), si distingue profondamente dall’annullamento d’ufficio e dalla revoca, non avendo natura di vero e proprio provvedimento di riesame e non essendo assoggettato alla disciplina di cui all’art. 21-nonies della l. n. 241/1990, in quanto: a) non riguarda atti affetti da vizi di merito o di legittimità e non presuppone alcuna valutazione, più o meno discrezionale, in ordine alla modifica del precedente operato della P.A. (cfr. T.A.R. Sicilia, Palermo, Sez. II, n. 1548/2012, cit.), anzi secondo parte della giurisprudenza, ha natura doverosa, in luogo della discrezionalità insita nel potere di annullamento d’ufficio (T.A.R. Calabria, Catanzaro, 7 luglio 1988, n. 297); b) non coinvolge la valutazione dell’interesse pubblico sotteso all’emanazione del provvedimento di primo grado (cfr. T.A.R. Sicilia, Palermo, Sez. II, n. 1973/2012, cit.); c) non comporta nessuna valutazione tra l’interesse pubblico e quello privato sacrificato (cfr. T.A.R. Trentino Alto Adige, Bolzano, Sez. I, 19 luglio 2009, n. 271); d) non richiede una motivazione rigorosa (T.A.R. Sicilia, Palermo, Sez. II, n. 1973/2012, cit.); e) si distingue, altresì, dalla regolarizzazione e dalla correzione, le quali, normalmente, comportano l’integrazione dell’atto (T.A.R. Sicilia, Palermo, Sez. II, n. 1548/2012, cit.). Si aggiunga che, per consolidato orientamento giurisprudenziale di questo Consiglio di Stato, il provvedimento di rettifica è espressione di una funzione amministrativa di contenuto identico, seppure di segno opposto, a quella esplicata in precedenza. Tale funzione deve, dunque, articolarsi secondo gli stessi moduli già adottati, senza i quali rischia di risultare monca o, comunque, difettosa rispetto all’identica causa del potere, sicché l’amministrazione è tenuta a porre in essere un procedimento omologo, anche per quel che concerne le formalità pubblicitarie, di quello a suo tempo seguito per l’adozione dell’atto modificato, richiedendosi una speculare, quanto pedissequa, identità dello svolgimento procedimentale (v. in tal senso, per tutte, Cons. Stato, Sez. VI, 11 maggio 2007, n. 2306). VISTA La giurisprudenza della Cassazione e la sentenza del Consiglio di Stato sez. II 28 maggio 1993 n. 388 dalla quale si evince che il verbale di un atto collegiale può essere sempre rettificato per correzione di errori materiali, anche se la correzione attiene al risultato della votazione e che ne deve essere data comunicazione all'organo interessato, perchè ne prenda atto. Per quanto premesso RICHIEDE che al prossimo consiglio comunale venga inserito all'ordine del giorno e conseguente votazione il seguente punto : Presa d'atto rettifica errore materiale, conteggio dei presenti e degli assenti, nonché mancato inserimento consigliere Franco Bressanin, deliberazione del consiglio comunale n. 1 del 22 gennaio 2016; nel caso la presente richiesta non dovesse essere accolta si richiede risposta scritta circa i motivi del mancato accoglimento, per la successiva contestazione presso l'autorità giudiziaria competente. Salsomaggiore Terme 03 marzo 2016 Il consigliere Franco Bressanin

Venerdì, 18 Dicembre 2015 19:27

Aperitivo di fine Anno a 5 Stelle

Aperitivo Di Fine Anno E siamo così giunti alla fine di un altro anno assieme. I Meet Up sono terminati, ma abbiamo pensato, prima di lasciarci per le vacanze, di vederci una volta ancora per farci gli auguri. Ci troveremo all’Ariston Bar mercoledì 23 Dicembre alle 19:00 per un aperitivo. L’invito è aperto a tutti. Vi aspettiamo numerosi.
Lunedì, 05 Ottobre 2015 16:52

Italia 5 Stelle

Categoria
Incontri
Date
Sabato 17 Ottobre 2015 00:00 - Domenica 18 Ottobre 2015 23:59
Location
Imola - Via Rosselli Fratelli, 2
40026 Imola BO, Italia
 
 
Tutte le notizie che cerchi su Italia 5 Stelle le trovi quì:
 
Mercoledì, 15 Aprile 2015 13:46

Gli orti senz’acqua

Agosto 2013 : è in questo periodo che l’assessore Trevisan fa sapere, prima tramite un articolo sul sito del comune, poi con un altro sulla Gazzetta di Parma, che Salsomaggiore avrebbe avuto i propri orti urbani. Sembrava un progetto destinato a vedere la luce a seguito della redazione della “Direttiva per l’affidamento e la conduzione di terreni comunali da adibirsi ad orti urbani” di febbraio 2014 e dell’assegnazione dei campi di giugno 2014, ma qui casca l’asino: il Comune non ha disposto i lavori per gli allacci idrici. Così diventa impossibile per gli assegnatari coltivare l’orto senza gli impianti promessi dalla giunta Fritelli.

Pagina 1 di 10