Home Page
Lunedì, 23 Aprile 2018 10:22

Riflessioni di un Consigliere di minoranza (M5S) alla fine del suo mandato In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Mi sono accostato alla politica attiva per la prima volta qui a Salsomaggiore con una speranza: di poter dare il mio contributo (gratuito) alla Città : Il contatto con quella che viene impropriamente chiamata politica e “ politici” e’ stato devastante.

Io, fermo alla definizione di “politica “ di Aristotele,il cui scopo e’ il benessere dei cittadini in primo luogo, per il loro sviluppo fisico, intellettuale e sociale, una politica “trasparente” e in compartecipazione coi cittadini, mi sono trovato a fronteggiare una politica e politici che, di fronte a mie proposte a beneficio dei cittadini, non potendo rifiutarle, ne demolivano poi l’essenza stravolgendole e di fatto facendo il contrario di quanto proposto.

Ci sono voluti quasi due anni per avere la mezz'ora gratuita di parcheggio, gli orti sociali da noi proposti non hanno mai avuto l’acqua e non l’hanno ancora, la distribuzione di acqua gratuita mediante apposite strutture in città ha visto un bando tagliato apposta per non essere appetibile per nessuno.

Mi sono trovato di fronte a persone che, quando interpellate e richieste di spiegazioni, svicolavano e attuavano strategie e manovre elusive, quali dimostrarsi indignate, o assumere l’atteggiamento da maestrina bacchettatrice; ho sopportato la faccia di chi mi mentiva sapendo di mentire, conscio del fatto che pure io lo sapevo, il lancio di filippiche con cui mi si accusava di non sapere niente di politica, vari commenti non proprio gentili, ecc

Se ho tollerato la mancanza di rispetto per il sottoscritto, non posso e non potrò tollerare la mancanza di rispetto per i cittadini e i loro soldi: mi riferisco a quanto evidenziato da una ispezione del Ministero dell’Economia e Finanze, dalla quale si rilevano contratti fatti male , incompleti, in bozza o non firmati, o peggio mancanti, comunque sempre a sfavore delle casse comunali, confusione amministrativa e irregolarità facenti capo ad un dirigente a tempo determinato, la cui nomina viene per più motivi definita illegittima dall’Ispettore Sul fatto della politica sono d’accordo: non ne so niente di questa pseudo-politica, ma la mia ignoranza è voluta: non ne voglio sapere, me ne tengo il più lontano possibile; basta vederne i risultati ottenuti negli ultimi 20 anni: una città devastata da un Attila dell’incapacità, dei favoritismi, della miopia organizzativa, che ha perso tutti i suoi assetti più consistenti, vedi hotel, Terme in liquidazione, verde pubblico che di verde ha ben poco, strade e marciapiedi senza vere manutenzioni da anni, negozi chiusi, cartelli di VENDESI ovunque, strutture in calcestruzzo incompiute ormai da demolire, però ancora facenti parte dell’indecoro urbano.

Il mio turno ora e’ finito, ma passo il testimone ad altri costituitisi in una lista del movimento 5 stelle, che si presenterà alle prossime elezioni, una lista che e‘un gruppo di lavoro, una squadra che ha in mente solo un obiettivo: migliorare in tutti i modi la qualità della vita dei cittadini salsesi, cercare di far ripartire questa
città un tempo bellissima, non con programmi “elettorali” da Superman, che poi nessuno attua, ma con idee semplici, da semplici cittadini.

La nostra squadra si compone di cittadini mai entrati in politica, cittadini che rappresentano un po’ tutte le attività e le caratteristiche della cittadinanza Salsese: professionisti, commercianti, artigiani, casalinghe, pensionati, esperti di informatica ed e-commerce, rappresentanti delle associazioni di consumatori, imprenditori. E soprattutto delle donne: nella nostra lista il minimo del 30% di quote rosa e’ superato: noi ne proponiamo il 50%: otto uomini e otto donne, queste ultime molto
preparate e battagliere, per una battaglia positiva contro il decadimento e per la riconquista dei valori civili, sociali e di partecipazione di questa bellissima citta’.

Per questo siamo aperti a proposte, idee, suggerimenti da parte di tutti i cittadini, perchè la città e’ loro e solo loro hanno il diritto a decidere il loro futuro. La delega alla politica e’ solo per la realizzazione dei sogni e desideri della gente , per il loro beneficio e progresso, fisico, mentale e spirituale.

Saremo presenti ogni fine settimana con un gazebo informativo in piazza Libertà e /o in Largo Roma, partecipate, decidete, cambiate.

Franco Bressanin,
Consigliere Comunale uscente M5S

Devi effettuare il login per inviare commenti