Energia & Rifiuti
Venerdì, 07 Febbraio 2014 09:35

Salsomaggiore: parte il nuovo sistema di raccolta rifiuti, all'insegna dell'incompetenza e dell'assenza di informazione In evidenza

Vota questo articolo
(3 Voti)
Il 5 febbraio i cittadini della frazione di Cangelasio (Salsomaggiore) si sono visti sottrarre dagli addetti alla raccolta dell'immondizia, il bidone dell'umido, senza essere in alcuno modo preavvisati. Il nostro Consigliere Francesco Sozzi ha ricevuto molte telefonate di cittadini contrariati perché niente era stato comunicato al riguardo dall'amministrazione comunale. Abbiamo poi saputo dagli uffici comunali, che sono stati affissi dei cartelli ed è apparso un articolo sulla Gazzetta, dove l'amministrazione ha spiegato i nuovi cambiamenti. Abbiamo verificato cosa riportano le bacheche di Cangelasio Costa e di Cangelasio Ceriati e in nessuna delle due è affisso alcun comunicato. L'unico ad essere presente è un semplice avviso sui controlli da parte del comune sulla raccolta differenziata, affisso solo a Cangelasio Ceriati. Qualche cittadino ha ricevuto dagli addetti alla raccolta un foglietto ma non si sa bene con quali informazioni. Alla fine qualche informazione, corredata da leggende metropolitane, si è avuta. Nelle frazioni l'umido non verrà raccolto e i cittadini potranno scegliere: • se buttarlo nella frazione indifferenziata (alla faccia della raccolta differenziata) con sovrattassa • oppure se munirsi a proprie spese di una compostiera, che darebbe diritto ad uno sconto imprecisato (da qui la leggenda metropolitana di uno sconto favoloso di euro uno all'anno - e speriamo che pura leggenda rimanga), ancora in via di definizione. Si è anche saputo che ci sarà un incontro con i cittadini il 19 febbraio per informarli di quanto già unilateralmente deciso. Ma non sarebbe stato meglio informare i cittadini prima della partenza del nuovo sistema e magari sentire anche le loro opinioni? Ci chiediamo anche come mai l'amministrazione faccia partire questa azione senza neppure sapere a quanto ammonterà il risparmio dei cittadini. E ancora, mettere l'umido insieme all'indifferenziato non alzerà i costi di smaltimento dato che poi sarà necessario separare la frazione umida dalla frazione indifferenziata? Noi del M5S pensiamo che il Sindaco e i suoi esperti - o inesperti - avrebbero docuto fare molto meglio. Ricordiamo che qualche anno fa il sindaco Fritelli, assieme ad altri cittadini Salsesi del Movimento 5 Stelle, aveva preso parte ad una visita al centro di riciclo di Vedelago e si era potuto rendere conto dei vantaggi economici e ambientali che una raccolta molto spinta consente: 70% sul costo della raccolta che a Salsomaggiore porterebbe da un costo annuo per la gestione rifiuti di quasi Euro 4.000.000 a circa Euro 1.200.000. Intanto i cittadini, seriamente frustrati, contano sulla disponibilità del Sindaco a fornire un luogo ove collocare la frazione umida.
Altro in questa categoria: « Progetto Trattamento Rifiuti

1 commento

  • Link al commento Franco Bressanin Venerdì, 07 Febbraio 2014 16:29 inviato da Franco Bressanin

    un sospetto: se la frazione indeifferenziata finisse nell'inceneritore cosi' com'e', senza separazione, questo andrebbe ad aoumentare il peso del "combustibile" dell'inceneritore, a solo beneficio di IREN, mentre i cittadini pagherebbero di piu' per l'aumento di peso dell'indifferenziata. spero di sbagliarmi. se sbaglio, contestatemi.....

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.